Caciotta della Lunigiana

Caciotta della Lunigiana

Formaggio bovino della Lunigiana

Si presenta in pezzature medio-piccole, ha forma tonda irregolare, colore bianco giallastro, sapore leggermente salato e odore intenso.

Dopo la mungitura il latte viene messo in un paiolo di rame, scaldato a 30-35°C e fatto cagliare. La cagliata viene rotta con un bastone di legno e scaldata nuovamente a 30-35°C, separata dal siero e sistemata in formelle di legno; successivamente il formaggio viene posto su assi di legno a sgocciolare e asciugare e poi salato girandolo periodicamente. Si produce per tutto l’arco dell’anno.

Il formaggio bovino della Lunigiana viene prodotto secondo una ricetta tradizionale, con lavorazione interamente manuale e impiegando latte proveniente da allevamenti locali. Viene generalmente consumato fresco e solo in piccola parte viene destinato alla stagionatura.

La caciotta della Lunigiana viene prodotta da due caseifici, uno dei quali ha una produzione piuttosto marginale. Il quantitativo totale prodotto nell’ultimo anno è di circa 180 q. La produzione potrebbe essere superiore rispetto all’attuale, limitata dalla mancanza di latte di qualità nella zona: molte aziende produttrici di latte negli ultimi anni hanno chiuso e dalle 80 stalle del 1992 si è arrivati a soltanto 18 nel 2000.
Quasi metà della produzione viene commercializzata tramite grossisti in altre regioni d’Italia, mentre quella che rimane in zona viene venduta direttamente a privati in azienda o ai negozi locali. Fra gli eventi legati a questo prodotto si ricorda la partecipazione nel giugno 2001 alla Mostra del formaggio a Lione e all’Expo di Aulla del 1999 e del 2000.

Territorio interessato alla produzione: Lunigiana, provincia di Massa Carrara.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione
• Paiolo di rame
• Bastone di legno per la rottura della cagliata
• Formelle in legno
• Assi di legno per l’asciugatura e la stagionatura
• Cella frigorifera per la conservazione

Schede correlate
Lunigiana: tra Toscana e Liguria
Massa (MS)
Museo del Territorio dell’Alta Valle Aulella
Casola In Lunigiana (MS)
Museo delle Statue Stele
Pontremoli (MS)
Museo Etnografico di Villafranca Lunigiana
Villafranca In Lunigiana (MS)
Arrivare in Lunigiana
provincia di Massa Carrara
La Lunigiana
provincia di Massa Carrara
La Lunigiana: santuario Madonna del Monte
Mulazzo (MS)
Storia di Aulla
Aulla (MS)
Itinerari in Lunigiana: Fosdinovo
Fosdinovo (MS)
Villafranca in Lunigiana
Villafranca In Lunigiana (MS)
Agnello di Zeri
provincia di Massa Carrara
Museo Etnologico delle Apuane
Massa (MS)
Sarzana
Sarzana (SP)
Lasagne bastarde della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Brusco
provincia di Pistoia
Caciotta di pecora
provincia di Grosseto
Montanello
provincia di Pistoia
Pastorella del cerreto di Sorano
provincia di Grosseto
Pecorino della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Testarolo della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Torta d’erbe della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Spongata della Lunigiana
provincia di Massa Carrara

pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,218 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK