Biroldo di Lucca

Biroldo di Lucca

detto anche Biroldo della Versilia, Mallegato, Buristo

Il biroldo è un insaccato di media pezzatura (diametro di 5 -7 cm), di forma tondeggiante e schiacciata (pagnotta), legato alle due estremità. Il contenuto è rappresentato da lardelli, costituiti da frammenti ben visibili di grasso suino, dispersi nella massa ematica rappresa; è profumato, di consistenza morbida e di colore rosso scuro. Il sapore è più o meno piccante, l'odore è speziato. La pezzatura va dai 200 gr. (se confezionato in budelli di manzo), fino a circa 1,5 kg. (se confezionato in budelli di maiale).

Per la preparazione del biroldo di Lucca vengono utilizzati il sangue, le cotenne, i polmoni, i reni, la milza, il cuore e le frattaglie del maiale, che vengono cotti in acqua per circa 2 ore a temperatura di bollitura e poi macinate grossolanamente.
Successivamente si aggiungono all’impasto i lardelli ed il sangue di maiale filtrato; il tutto viene mescolato con aromi e spezie (cannella, chiodi di garofano, noce moscata, sale, pepe, pinoli, uva sultanina). Si insacca l’impasto ancora caldo nel budello naturale di suino (stomaco o vescica), di manzo o di cavallo. Gli insaccati vengono quindi legati e posti in caldaia per un’ulteriore cottura e, quindi, dopo la pressatura, fatti raffreddare rapidamente e conservati in cella frigorifera.

Il prodotto deve la sua tradizionalità alle materie prime utilizzate nella produzione, alla particolare tecnica di lavorazione e alla particolarità del gusto.

Questo salume viene prodotto in Lucchesia (in località SS. Annunziata e San Lorenzo a Vaccoli) per un totale di circa 280 quintali annui e, in quantità più modeste (20 quintali) in Versilia a Massarosa.
È un prodotto stagionale reperibile prevalentemente nel periodo
invernale. Gran parte della produzione è venduta in zona tramite vendita diretta nelle aziende trasformatrici o presso altri esercizi
commerciali.

Territorio interessato alla produzione: Provincia di Lucca, in particolare la Versilia.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione
• Spatola per amalgamare l’impasto delle carni
• Caldaia per la cottura
• Tritacarne
• Recipiente per mescolare l’impasto
• Cella frigorifera

Schede correlate
Lucca: la storia
Lucca (LU)
Aspretto di more
provincia di Lucca
Museo Contadino della Piana di Lucca
Capannori (LU)
Museo del Lavoro e Tradizione Popolare della Versilia Storica
provincia di Lucca
Museo Etnografico "Don Luigi Pellegrini"
Castiglione Di Garfagnana (LU)
Biroldo della Garfagnana
provincia di Grosseto
Biroldo delle Apuane
provincia di Massa Carrara
Buccellato di Lucca
provincia di Lucca

pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,25 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK