Basilica romanica di San Gavino a Porto Torres

Basilica romanica di San Gavino a Porto Torres

è parte del complesso monumentale di Monte Agellu

Eretta in stile romanico nella seconda metà dell'XI sec. dalle maestranze pisane chiamate da Comita Re e Giudice di Torres, la Basilica è parte del complesso monumentale di Monte Agellu, tesoro culturale definito dalla Pontificia Accademia di Archeologia Cristiana, tra i più rilevanti siti archeologici e storico-religiosi, nonchè il più imponente monumento romanico della Sardegna e uno dei più grandi d'Italia, essa misura ben 58,26 m. di lunghezza e 17,36 di larghezza. Esistono resti di altre due chiese, una datata V sec. e l'altra del VII secolo; nelle due piazze adiacenti la Basilica, chiamate Atrio Metropoli e Atrio Comita, altri scavi hanno riportato alla luce belle tombe mosaicate ed affrescate, una cisterna bizantina e altri notevoli monumenti archeologici. Antica Cattedrale del Giudicato di Torres fino al 1441, trasferito poi a Sassari, la chiesa è priva di facciata, presentando due absidi contrapposte; l'interno è diviso in tre navate, separate da due colonnati per un totale di 22 colonne e sei coppie di pilastri cruciformi. Colonne e capitelli provengono dalle rovine di Turris Libisonis, e quindi appartenute a templi romani e altri edifici dell'unica colonia romana della Sardegna. L'originalità dell'impianto è inoltre rappresentato dalle fiancate che si sviluppano gonfiandosi con ingresso collocato sul lato meridionale, portale gemino (XV sec.) di gusto catalano, e gigliato sul lato opposto. Interessante la visita alla cripta secentesca, ampia quanto la navata centrale, ottenuta dopo importanti scavi serviti a riportare alla luce le reliquie dei Santi Gavino, Proto e Gianuario, a cui è dedicata la Basilica, martirizzati nel 303 sotto gli imperatori romani Diocleziano e Massimiliano. Sono presenti nella cripta cinque preziosi sarcofagi dei secc. II-IV appartenuti a Turris Libisonis, un sarcofago medievale, resti della chiesa del V sec., cinque statue in marmo di Carrara settecentesche attribuite allo scultore genovese Giacomo Antonio Ponzalelli e altre dodici di ottima fattura, più tarde, in terracotta smaltata. Attorno alla Basilica si sviluppano le Cumbessias, cioè case dei pellegrini, utilizzate sino a qualche secolo fa per accogliere le numerose persone che giungevano da ogni parte della Sardegna per i festeggiamenti dei Martiri. Quelle case, risalenti al 1500-1600, grazie ad un opera di ristrutturazione in occasione del Grande Giubileo dell'Anno 2000, offrono oggi accoglienza a pellegrini e visitatori durante tutto l'anno. Anche oggi la festa patronale è nota in tutta l'isola, riportando in auge alcuni antichi riti legati alla vocazione marinara ed agricola della popolazione turritana con la sagra del pesce e la benedizione del mare; con essa si da inizio alle manifestazioni estive, culturali e sportive.

Info: tel. 333 806.13.82-348 899.68.23-347 400.12.88; accoglienza tel. 079 514.678-514.149

Schede correlate
Altare prenuragico di Monte d'Accoddi
Porto Torres (SS)
Antiquarium Turritano a Porto Torres
Porto Torres (SS)
Appuntamenti a Porto Torres
Porto Torres (SS)
Il comprensorio turistico di Alghero
Alghero (SS)
Itinerari sulla costa Sarda: Porto Torres
Porto Torres (SS)
La realtà portuale di Porto Torres
Porto Torres (SS)
Monte d’Accoddi a Porto Torres
Porto Torres (SS)
Necropoli ipogeica di Su Crucifissu Mannu
Porto Torres (SS)
Ponte Romano di Porto Torres
Olmedo (SS)
Spiagge a Porto Torres
Porto Torres (SS)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Porto Torres


Mappa Sardegna Cagliari Carbonia - Iglesias Medio Campidano Ogliastra Oristano Nuoro Olbia - Tempio Sassari
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,25 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK