Artigianato in Valle d'Aosta

Artigianato in Valle d'Aosta

tradizione e manualità e l'importante appuntamento della Fiera di Sant'Orso

Tra le attività più importanti in campo economico, l'artigianato si distingue per le rari capacità manualistiche, per l'inventiva e per l'artisticità e la sua massima espressione è rappresentata dalla Fiera di Sant'Orso del 30 e 31 gennaio. Tra le risorse ancora largamente utilizzate, è la pietra ollare, un tempo largamente diffusa per la costruzione di contenitori e pentole e oggi impiegata per la costruzione di stufe. Questa pietra cerata e verniciata assume una colorazione di verde ed è adoperata anche per statuette, cofanetti, bassorilievi ed altri oggetti. Il materiale più utilizzato rimane il legno per case, oggetti e attrezzi e oggetti artistici. I legni più diffusi sono il noce scuro, venato, compatto e duro, il cirmolo o pino cembro, tenero, dorato, l'acero, l'abete, il faggio, il ciliegio, la betulla e il bosso. Fra i più famosi e rappresentativi oggetti tipici elaborati in legno vi è la “grolla”, un calice intagliato e decorato con linee caratteristiche. realizzata in acero ,e qualche volta in noce, il suo nome deriva da “graal” il calice dell'Ultima Cena, o anche da “krater” in greco e “cratalis” in latino. Il suo utilizzo è quello della bevuta à la ronde in segno di amicizia e fraternità. Un tempo utilizzata per bere vino, oggi viene utilizzata per servire il caffè caldo aromatizzato, ed è stata dotata di piccoli manici laterali, aperture laterali tipo becchi e da un piccolo coperchio centrale. Altra costruzione tipica è quella di mobili ispirati all'arte povera e le sculture, eseguite sia a tuttotondo che in bassorilievo.La lavorazione del legno utilizza la tecnica della “punta di coltello”, rimasta inalterata nei tempi. Oltre al legno viene intagliato il cuoio, la pietra ollare e la scorza di betulla. Un'altra applicazione del legno è quella eseguita dai “sabotiers” della Val d'Ayas, che producono i “sabot” le classiche e famose calzature in legno. Altra applicazione, ormai divenuti prodotti esclusivamente da collezione, sono i servizi da barba della Valle del Gran S. Bernardo, i quali ultimi (in tutto cinque) esemplari sono rimasti in Valle d'Aosta, e altri sono stati deposti al Museo Civico di Torino e la Museo delle Arti e Tradizioni popolari di Roma. Dell'artigianato tipico fanno parte anche i pizzi di Cogne lavorati con filo di lino, i tessuti in lana lavorati in Valgrisenche, la tessitura della canapa e del lino a Champorcher, e la tessitura della lana di pecora praticata da vecchi arcolai. Altro prodotto dell'artigianato legato alla tessitura è la conocchia, attrezzo per filare la lana.

Schede correlate
Cucina in valle d'Aosta
provincia di
Le tradizioni in Valle d'Aosta
provincia di
Valle d'Aosta
provincia di
La tradizione Vinicola in Valle d'Aosta
provincia di
Il Canto popolare
provincia di
La routes des vins
provincia di

aosta
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta
Elenco Provincie
Valdostane


Aosta



esecuzione in 0,062 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK