Archeologia nuragica in Gallura

Archeologia nuragica in Gallura

Tombe dei Giganti, tholos, Cultura dei Circoli Megalitici, Dolmen, Menhir, Domus de Janas

L'emblema più noto dell'espressione architettonica in Sardegna è rappresentata dal nuraghe, un edificio prodotto da civiltà, nuragiche appunto, insediatasi dal 2500 a.C. circa fino a pochi decenni prima dell'era Cristiana, con un alto significato simbolico e sacro, considerato il centro del potere del gruppo sociale. La fortezza nuragica è generalmente costituita da una torre rotonda di forma troncoconica, alta 7-10 m., sormontata da un terrazzo sporgente e costruita con una muratura molto spessa composta a secco con grosse pietre disposte in filari orizzontali e cerchi sempre più stretti dal basso verso l'alto. Di nuraghi in Sardegna se ne contano circa 7.000, presentandosi a tholos, cioè a falsa volta, oppure a corridoio, cioè senza la camera interna e con corridoi lungo le direttrici orizzontali; questi ultimi sono quelli più frequenti in Gallura. Il nome stesso di nuraghe richiama la tecnica costruttiva, da "nurra" cioè "mucchio, accumulo" ma anche "cavità", poiché l'interno è occupato da una camera a cupola. Dell'età nuragica sono anche le tipiche sepolture in tombe collettive chiamate Tombe dei Giganti, così chiamate per la loro imponenza e costituite da una stele centrale, a volte decorata da una cornice a rilievo, con una serie di lastroni fissati nel terreno su ambo i lati che delimitavano l'area dove si svolgevano le cerimonie funebri; sulla parte posteriore della stele, si allunga un corridoio dolmenico coperto da lastre di pietre. Le più interessanti occasioni di visita ai siti nuragici, si trovano nel territorio di Arzachena, e alcuni di questi per le loro peculiarità, distintivi di una specifica cultura neolitica, sono a rappresentanza della cosiddetta Cultura dei Circoli Megalitici o d'Arzachena, collocabili intorno al 3000 a.C. Appartengono all'età prenuragica, i circa cento Dolmen presenti in tutta la Sardegna, costruzioni megalitiche in cui i due lelementi verticali disposti di taglio nel terreno, ne sostengono un terso orizzontale. Uno dei più interessanti è quello di Sa Coveccada nelle campagne di Mores. Dolmen deriva da due parole bretoni: "tal" (tavola) e "men" (pietra). Collocabili al III millennio a.C. anche i Menhir (men=pietra, hir=lunga), blocchi unici di pietra conficcati verticalmente nel terreno, generalmente in coppia raffiguranti la dea Madre e il Dio Toro, le forze riproduttrici della natura, e le Domus de Janas (casa delle fate o delle streghe), ossia grotticelle artificiali scavate sotto terra o nella roccia utilizzate per la sepoltura; le maggiori concentrazioni si trovano sulla strada fra Alghero e Porto Torres (necropoli di Anghelu Ruju). Tra i più significativi ritrovamenti effettuati nei vari santuari nuragici, alcune statuette in bronzo (bronzetti nuragici), alte da 8 a 40 cm., con probabile funzione di ex-voto, ritraenti guerrieri, popolani, pastori o sacerdoti; interessanti collezioni si trovano nei musei archeologici di Sassari e Cagliari.

Schede correlate
Lungo la costa sarda: Aglientu
Aglientu (OT)
Sardegna: antiche tracce
provincia di
Da Tempio Pausania all'interno Gallura
Tempio Pausania (OT)
Luoghi dell'interno Gallura: Monti
Monti (OT)
Olbia e la Costa Smeralda
Olbia (OT)
Tomba di Lu Brandali
Santa Teresa Gallura (OT)
Provincia della Gallura: Olbia
Olbia (OT)
Tomba dei Giganti Li Mizzani
Palau (OT)
Castello di Pedres, Sa Paulazza, Cabu Abbas
Olbia (OT)
Itinerari in Gallura: Arzachena
Arzachena (OT)
Itinerari archeologici e chiese campestri ad Arzachena
Arzachena (OT)
Itinerari a Budoni
Budoni (OT)
Sardegna e le nuove provincie: la Gallura
provincia di Olbia - Tempio
Dialetto gallurese
provincia di Olbia - Tempio
La cultura degli stazzi
provincia di Olbia - Tempio
Artigianato in Gallura
provincia di Olbia - Tempio

menhir
menhir

Mappa Sardegna Cagliari Carbonia - Iglesias Medio Campidano Ogliastra Oristano Nuoro Olbia - Tempio Sassari
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK