Archeologia in Basilicata

Archeologia in Basilicata

la Grotta dei pipistrelli ed altro

Paleolitico inferiore presso Venosa, dove uno studio stratigrafico ha evidenziato, tra i resti di rinoceronti, orsi, cervi, elefanti, bovidi ed equidi, industrie liti-che del tipo clactoniano evoluto del tipo di Venosa. Altre testimonianze del Paleolitico inferiore sono sparse in tutta la Basilicata: numerosi i bifacciali della Valle del Gradano e della Grotta dei Pipistrelli presso Matera, quelli delle Valli di Vitalba e di Atella e ancora presso Accettura,

La Grotta dei Pipistrelli e quelle di Fiumicello lungo la costa tirrenica hanno fornito tracce del Paleolitico medio presenti anche nel Metapontino. Industrie litiche del Paleolitico superiore sono presenti nella Grotta Funeraria e in quella dei Pipistrelli a Matera, nonché lungo il Gradano e negli stessi dintorni di Matera, con ciottoli incisi a motivi geometrici. Si tratta di preistoria recente quando i neandertaliani si sono estinti (35 000 anni fa) e dal Medio Oriente arriva in Europa l'uomo di Cro-Magnon che aggiunge alla cultura materiale del tagliare la pietra quella dell'espressione artistica, come nel caso della grotta di Tuppo Li Sassi a Filiano.
Qui, nel 1965, fu individuato un riparo sotto roccia con industrie mesolitiche e importanti pitture rupestri raffiguranti scene di cattura o semplici cervi tra la vegetazione in stretta analogia con quelle iberiche. Dopo le glaciazioni le condizioni climatiche più stabili rendono favorevole una organizzazione collettiva basata sull'allevamento e sull'agricoltura. Ed è nel Neolitico che nascono la tessitura e la ceramica, soprattutto quest'ultima nelle forme di Matera/Capri, ceramica dipinta a 2 o 3 colori, e in quelle più note di serra d'Alto, incisa a crudo, punzonata e dipinta finemente con bande a spirale.
Sebbene le grotte continuino a essere abitate, è proprio nel Neolitico che si ha il massimo sviluppo dei villaggi trincerati a serra d'Alto, Tirlecchia, Murgecchia e Murgia Timone sulla Murgia materana, nel Melfese a Rendina. Sono insediamenti di capanne protette da profondi fossati, scavati nella roccia e prossimi a sorgenti d'acqua; altri insediamenti neolitici sono a Toppo d'Aguzzo, Gaudiano di Lavello e nel Metapontino. Con l'Eneolitico che presenta riscontri di civiltà del Gaudo nella Grotta di Latronico e le nuove tecniche metallurgiche di gruppi egeo-anatolici, la regione assume quel ruolo di incontro/scontro tra culture che si perpetuerà in epoca storica, mentre è certa la frequentazione minoico-micenea lungo la costa ionica che la leggenda vuole come terra di approdo di eroi della saga troiana. La civiltà appenninica nell'Età del Bronzo è caratterizzata oltre che dall'agricoltura dalla pastorizia transumante; la regione presenta due aree culturali distinte secondo i rituali funerari di inumazione supina (sepolture di Aliano e Chiaromonte) o rannicchiata (necropoli di Incoronata di Pisticci e S. Maria di Anglona). Al tardo Bronzo risalgono i ritrovamenti di Timmari relativi a campi di urne cinerarie tipici di una cultura protovillanoviana più nota al centronord dell'Italia. L'Età del Ferro in Basilicata sembra sia segnata dall'arrivo di nuove popolazioni, i Liky che, nel 1300-1200 a.C., muovono dalle regioni anatoliche e si stanziano a sud dell'Ofanto, tra il Bradano e il Basente. È infatti questo il momento in cui si assiste alla formazione di veri centri abitati su alture a dominio delle valli come sul monte Torretta di Pietragalla, sul monte Croccia o a serra di Vaglio. Si determina un'organizzazione di tipo democratico costituita da liberi individui dediti all'artigianale, all'allevamento, all'agricoltura, che dividono equamente la terra e la difesa della comunità; non c'è divario sociale e in caso di guerra il Basileus è il capo politico-militare delle tribù federate. Frattanto lungo le coste i primi contatti di esploratori, mercanti o artigiani minoico-micenei con le popolazioni autoctone (Enotri, Choni, Morgeti, Itali o Siculi) preparavano la colonizzazione massiccia che si sarebbe avuta a partire dalI'VIII secolo a.C. Presso le foci dei fiumi e nella pianura fertile i Greci fondarono le poleis coloniali della raffinata civiltà della Magna Grecia. Spiccano per prestigio le colonie di Metaponto, Siris, Heraclea e Pandosia: ricca e fiorente la loro economia agricola a prevalenza di frumento, tanto che la spiga è sulla moneta di Metaponto. La capacità di organizzazione delle attività agricole è testimoniata dalle Tavole di Heraclea oggi al Museo archeologico nazionale di Napoli. L'importanza dei reperti custoditi nei musei di Metaponto e Policoro è confermata dai relativi Parchi Archeologici. Ancora si stagliano, nell'azzurro del cielo di Metaponto, le quindici colonne superstiti dell'antico tempio di Mera a guardia sul Bradano, mentre si distinguono, oltre l'impianto urbano, l'area sacra ad Apollo Licio e la cavea del Teatro. A Policoro, sulla collina, oltre il palazzo Baronale, doveva sorgere Siris che, distrutta dalla coalizione achea di Metaponto, Crotone e Sibari, vide la nascita di Heraclea (433 a.C.), che oggi si presenta con isolati regolari. Recipienti e tracce di canalizzazione delle acque distinguono il quartiere artigianale con le fornaci da quello residenziale. Il fenomeno di ellenizzazione dei centri interni della Lucania avviene lungo le naturali vie d'acqua: Bradano, Basente, Gavone, Agri e Sinni. Molti centri dominano le valli, ma sopra tutti vanno citati Melfi quale punto di incontro delle civiltà daune ed enotrie (candelabro di Melfi) e più ancora serra di Vaglio, acropoli in posizione strategica lungo le valli di Basente, Ofanto, Sele tra lo Ionio e il Tirreno. La sua importanza è confermata dalla presenza del vicino Santuario Italico dedicato alla dea Mephitis (IV sec. a.C.) rinvenuto a Macchia di Possano. Sul monte Moltone di Tolve si trovano i resti della più antica villa rustica finora scoperta in Basilicata: di periodo ellenistico (IV-III sec. a.C.), ha l'impianto a corte centrale diffuso nel Mediterraneo e presso i Romani. L'assetto di questi centri ellenizzati è sconvolto dall'arrivo degli Osco-Sanniti di ceppo Sabellico, popoli guerrieri alla ricerca di pascoli e terre fertili che avanzano dove minore è l'influenza politica culturale e militare degli stati italioti. La nuova entità territoriale che si determina dal Sele al Lao, sul Tirreno, e dal Grati al Bradano, sullo Ionio, è denominata Lucania e la sua pressione sulle colonie, logorate da contrasti interni, non sarà da queste adeguatamente contrastata. Un popolo fiero che costituirà un problema anche per i Romani sia durante le guerre San-nitiche e Puniche che con la guerra Sociale. All'inizio del III sec. a.C. i Romani fondano le colonie di Venusia e Grumentum: la via Herculia le collega alla Popilia e all'Appia. I centri delle aree interne si spopolano, Metaponto ed Heraclea si riducono rispettivamente a un castrum e a un piccolo abitato. I Romani impongono il latifondo che determinerà un territorio punteggiato da tante ville rustiche con evidenti tracce nella toponomastica della Basilicata. Nota è quella di Malvaccaro a Potenza con splendidi mosaici restaurati di recente. Dell'antica Venusia si possono ancora ammirare l'Anfiteatro, le Terme e la cosiddetta Casa di Grazio nell'attuale centro storico di Venosa. Nel Parco Archeologico di Grumento sono conservati il Teatro, una Domus con mosaico e uno dei più antichi anfiteatri romani in Italia. La costa di Maratea conobbe un'intensa frequentazione soprattutto in epoca romana, come documentano i ritrovamenti di Civita di Pivello, Fiumara di Castrocucco, Capo la Secca e Santavenere, stimolati dai risultati ottenuti dalle ricerche subacquee. Presso Castrocucco e l'isolotto di Santo lanni sono state rinvenute una quantità di anfore da trasporto, di ancore, due villae maritimae e vasche in cocciopesto per la produzione di garum.

da www.aptbasilicata.it

Schede correlate
Regioni d'Italia: Basilicata
provincia di
storia della Basilicata
provincia di
Profilo storico artistico della Basilicata
provincia di
Castelli della Basilicata
provincia di
Basilicata: cultura e folklore
provincia di
Museo Archeologico della Basilicata nord-occidentale
Muro Lucano (PZ)
Tradizioni culinarie della Basilicata
provincia di
Parchi della Basilicata
provincia di
Territorio della Basilicata
provincia di
Natura della Basilicata
provincia di

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK