Alessandro Farnese

Alessandro Farnese

ricordato da un bel monumento a lui dedicato in Piazza Cavalli a Piacenza

Alessandro Farnese succedette al padre Ottavio nel 1586. Egli però trovandosi nelle Fiandre al servizio di Filippo II, suo zio, che non lo volle mai far partire per i suoi meriti da condottiero, governò Piacenza "per lettera", mentre a Parma venne nominato reggente Ranuccio. Nel 1590 tutta Italia fu colpita da una carestia e a Piacenza toccò un doppio flagello perchè la città fu costretta a somministrare buona parte dei suoi raccolti a Parma. L'anno dopo indeboliti dalla fame, fra la popolazionesi contarono circa 34 mila mori. Alessandro morì nel 1592; egli è uno dei pochi duchi di Parma e Piacenza ancora ricordato da un bel monumento a lui dedicato in Piazza Cavalli a Piacenza. Il Mochi ha raffigurato Ranuccio che volta le spalle ad Alessandro.

Schede correlate
Paolo III
Piacenza (PC)
Pier Luigi Farnese
Piacenza (PC)
Carlo V di Spagna
Piacenza (PC)
Ottavio Farnese
Piacenza (PC)
Ranuccio Farnese
Piacenza (PC)
Odoardo Farnese
Piacenza (PC)
Ranuccio Farnese II
Piacenza (PC)
Francesco I
Piacenza (PC)
Antonio Farnese
Piacenza (PC)
Don Carlo di Borbone
Piacenza (PC)
Carlo VI
Piacenza (PC)
Maria Teresa
Piacenza (PC)
Don Filippo di Borbone
Piacenza (PC)
Don Ferdinando di Borbone
Piacenza (PC)
Napoleone
Piacenza (PC)
Maria Luigia
Piacenza (PC)
Piazza Cavalli
Piacenza (PC)
Palazzo del Governatore
Piacenza (PC)
Palazzo Farnese
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Alessandro Farnese
Alessandro Farnese

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,078 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK